TOSCANA A MURAPERTE- IL COMUNE DI SAN ROMANO PRESENTE CON LA FORTEZZA DI VERRUCOLE

Firenze, 21 febbraio 2020– Toscana a MurAperte”, questo il titolo del convegno organizzato dalla Regione Toscana nell’ambito di “TourismA. Salone di Archeologia e Turismo culturale” che si è svolto venerdì 21 febbraio, nella Sala Verde di Palazzo dei Congressi. Presenti all’evento il Presidente del Consiglio Regionale, Eugenio Giani; il Dirigente del Consiglio Regionale, Elena Pianea; e i Sindaci di molte città toscane. Anche il nostro Comune ha preso parte a questo evento, dedicato a città murate, torri e castelli. Il Sindaco, Raffaella Mariani, si è soffermata, in particolare, sullo straordinario lavoro svolto dall’Amministrazione Comunale di San Romano in Garfagnana per il restauro della Fortezza di Verrucole e soprattutto per il miglioramento dell’accessibilità ai disabili. Tre sono gli interventi più importanti che simboleggiano il grande impegno profuso per l’abbattimento delle barriere architettoniche: il completo rifacimento dei servizi igienici all’interno della struttura, l’installazione di un ascensore che dall’ Orto del Capitano porta direttamente alla sala museale e l’impianto di trasporto su monorotaia di tipo Monrail, un trenino panoramico interamente ecologico che dal parcheggio del borgo delle Verrucole arriva fino alla Fortezza.    Il tema dell’accessibilità universale ha assunto negli ultimi anni un ruolo prioritario nel campo dei beni culturali e specificatamente  nelle attività volte alla loro valorizzazione. Accessibilità fisica, sensoriale e culturale sono infatti requisiti imprescindibili per rendere pienamente fruibili i luoghi della cultura a tutti i visitatori del patrimonio italiano. In quest’ottica, l’Amministrazione Comunale di San Romano ha avuto la lungimiranza di comprendere che in una società moderna e inclusiva i concetti di accessibilità e fruibilità di un bene o di un sito devono per forza di cose coincidere. “Con soddisfazione- spiega il Sindaco- nell’ambito della manifestazione abbiamo ricevuto grandi attestati di ammirazione e richieste di visitare la nostra Fortezza e la Garfagnana in generale”.

COMUNICAZIONE SU CORONAVIRUS

Coronavirus:

ribadendo la necessità di non creare ingiustificati allarmismi, informiamo la popolazione che la nostra azienda ASL, ha istituito l’unità di crisi e sta elaborando le direttive alle quali dovremo attenerci. Non appena saranno emanate saremo in grado di fornire ai cittadini informazioni corrette ed uniformi.

I Sindaci componenti la Giunta dell’Unione Comuni Garfagnana

*************************************************************
L’Azienda Usl Toscana Nord Ovest a seguito dell’ordinanza emessa dalla Regione Toscana, ha attivato il numero telefonico 050-954444 (attivo dalle 8 alle 20 con personale e dalle 20 alle 8 con segreteria telefonica) e la casella di posta elettronica rientrocina@uslnordovest.toscana.it. A questi riferimenti aziendali, già attivi, si devono rivolgere per comunicare i propri dati personali (nome, cognome, indirizzo, domicilio e numero di telefono) le persone residenti negli ambiti territoriali di Massa Carrara, Lucca, Versilia, Pisa e Livorno che abbiano avuto contatti stretti con casi confermati di Coronavirus oppure coloro che, negli ultimi 14 giorni, abbiano fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in Cina.
Rimangono attivi e validi i riferimenti telefonici di informazione istituiti dal Ministero della Salute (1500) e dalla Regione Toscana 800.55.60.60 .
Per maggiori informazioni si rinvia al seguente link

 

Referendum Costituzionale del 29 marzo 2020: voto domiciliare per elettori affetti da infermità che ne rendano impossibile l’allontanamento dall’abitazione

Ai sensi delle disposizioni dell’art.1 del decreto-legge 3/01/2006, n.1, convertito, con modificazioni, dalla L.27/01/2006, n.22, come modificato dalla legge 7/05/2009, n.46, possono essere ammessi al voto domiciliare, gli elettori affetti da gravi infermità, tali da impedire l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano, che si trovano in condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali, ovvero gli elettori affetti da gravissime infermità tali che l’allontanamento dall’abitazione in cui dimorano risulti impossibile anche con l’ausilio dei servizi previsti dall’art. 29 della legge 5 febbraio 1992, n. 104, sono ammessi al voto nella predetta dimora.

L’elettore interessato deve far pervenire al  Sindaco del Comune di San Romano in Garfagnana in un periodo compreso fra il 40° e il 20° giorno antecedente la data di votazione, ossia sino a lunedì 09 marzo 2020, una dichiarazione, in carta libera, attestante la propria volontà di esprimere il voto presso l’abitazione in cui dimora, corredata della prescritta autorizzazione sanitaria, indicando i dati di identità e di residenza (cognome e nome, luogo e data di nascita, indirizzo di residenza e, possibilmente un recapito telefonico); nel caso in cui l’elettore dimora in una sede diversa dalla propria abitazione di residenza, indicare l’indirizzo dove l’elettore effettivamente dimora e dove sarà ammesso al voto.

Alla domanda si deve allegare:
– copia della tessera elettorale;
– idonea certificazione sanitaria, con l’esatta formulazione normativa in oggetto indicata                                                                                                

La certificazione sanitaria da allegare alla domanda deve essere rilasciata da un funzionario medico designato dai competenti organi dell’Azienda Sanitaria Locale in data non anteriore al quarantacinquesimo giorno antecedente la data della votazione (29 marzo 2020) che attesti l’esistenza delle condizioni di infermità di cui al comma 1 della legge 7 maggio 2009, n. 46, con prognosi di almeno sessanta giorni decorrenti dalla data di rilascio del certificato, ovvero delle condizioni di dipendenza continuativa e vitale da apparecchiature elettromedicali. La certificazione medica deve essere rilasciata da funzionari medici .

MANIFESTO

DOMANDA

COMUNICAZIONE-VOTO-DOMICILIARE   ——–    ORARIO-AMBULATORI-VOTO-DOMICILIARE

ASSEGNO DI NATALITA'( BONUS BEBE’ ) PER I NATI NELL’ANNO 2020.

A partire dal 1° gennaio 2020 non è invece più necessario possedere un valore Isee del nucleo familiare inferiore a 25mila euro. Il contributo diviene quindi universale seppur parametrato sulla base del reddito Isee, come di seguito illustrato.

Entità e durata del contributo
Dal 2020 l’importo del contributo viene parametrato sulla base di tre scaglioni Isee:
– 1.920 euro annui (160 al mese) per il primo anno di vita, o di adozione, per i nuclei familiari con reddito Isee fino a 7mila euro;
– 1.440 euro all’anno (120 al mese) per chi arriva fino a 40mila euro di Isee;
– 960 euro all’anno (80 al mese) per chi supera la soglia dei 40mila euro di Isee.
Nel caso di un figlio successivo al primo nato entro il 2020, o adottato, gli assegni vengono replicati e aumentati del 20%.

Se i genitori del minore non sono coniugati tra loro e non sono conviventi è necessario presentare l’Isee minorenni.
Tutti i requisiti devono essere posseduti al momento di presentazione della domanda.

 

1 2 3 227