Inaugurato il Rifugio Miramonti

DSC_0246.jpgDSC_0246.jpgFino a qualche anno fa era uno dei luoghi più noti del Parco dell’Orecchiella, punto obbligato prima o dopo escursioni o passeggiate per i sentieri dell’Appeninno; poi la chiusura e l’abbandono. Ora il Comune di San Romano in Garfagnana lo ha acquistato e ristrutturato con il decisivo contributo del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano nell’intento di favorire l’incremento di strutture turistiche adeguate all’interno di un territorio di altissimo pregio ambientale ma con poca offerta di ospitalità.Il nuovo Rifugio Miramonti sarà una “casa vacanze” in cui sarà possibile affittare appartamenti di varie dimensioni, forniti di tutti i servizi, per trascorrere qualche giorno, un fine settimana o un’intera vacanza a 1350 di altitudine nel Parco dell’Appennino.All’interno della struttura vi è poi un bar ristorante per un ristoro, una merenda o uno spuntino con i prodotti tipici della zona. La struttura è attiva già dal5 aprile scorso ma è stata inaugurata ufficialmente Domenica 19 Aprile alle ore15,30 presenti i rappresentati delle amministrazioni e degli enti che hanno partecipato al progetto con una cerimonia durante la quale sono state assegnate anche due “cittadinanze affettive” del Parco dell’Appennino; al Dott. Umberto Poggi per anni Direttore del Parco dell’Orecchiella e alla memoria di G.Mario Ricci per la sensibilità dimostrata dalla fondazione a lui intitolata che ha consentito di iniziare la strada che ha portato a questa nuova vita delRifugio Miramonti.Il Rifugio è gestito da Ilaria Bosi, raggiungibile per informazioni e prenotazioni al 347 1887152

Progetto "ParecipaAppennino" Partecipazione e sviluppo sostenibile nel Parco Nazionale dell'Appennino tosco-emiliano


thumb.php.jpeglogo_parco.gifIl Parco Nazionale dell’Appennino tosco-emiliano ha il piacere di invitarvi a partecipare all’incontro pubblico per la costruzione partecipata del Piano Pluriennale Economico e Sociale per la promozione delle attività compatibili (PPES) del Parco, che si terrà a

San Romano in Garfagnana il giorno 17 aprile 2009 alle ore 20.30 Read more

SOLE e PARCO gruppo di acquisto fotovoltaico Vantaggi economici per chi produce energia rinnovabile nel Parco

Copertina_Web.jpgCopertina_Web.jpgAl via una delle più grandi operazioni per sviluppare la produzione di energia rinnovabile nel territorio del Parco Nazionale, aperta anche ai privati. “Sole e Parco – spiega Fausto Giovanelli presidente del Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano- è il primo progetto di un accordo tra il nostro Ente e le Cna delle province di Massa, Lucca, Reggio Emilia e Parma. Obiettivo? Favorire la diffusione di pannelli fotovoltaici a favore dei proprietari di immobili nei comuni del nostro comprensorio, tra i più interessanti nel Nord Italia per esposizione luminosa, dando un piccolo ma significativo contributo alla lotta all’effetto serra ed ai cambiamenti climatici”.”La novità di questo progetto – spiegano Enrico Bini, Ugo Da Prato, Gian Paolo Gatti, Dino Sodini, rispettivamente Presidenti della CNA di Reggio Emilia, Lucca, Parma, Massa – e contemporaneamente principali attori del progetto SOLE e PARCO, che comprende il territorio delle quattro province – è il meccanismo del gruppo di acquisto in cui raccoglieremo adesioni dal 4 aprile al 12 giugno, e grazie al quale ridurremo significativamente i costi degli impianti garantendo massima qualità”.

Quali i benefici?

“I benefici – affermano i Presidenti delle quattro CNA partner dell’iniziativa – iniziano aderendo al progetto, ma durano 20 anni! A seconda delle adesioni, infatti chi aderirà al gruppo di acquisto di SOLE e PARCO potrà abbassare di un quarto, rispetto ai prezzi di mercato, il costo di ogni kw di potenza installato. I pannelli consentono da subito di ridurre o annullare i costi energetici di famiglie e imprese, scalando il valore dell’energia prodotta dal costo della bolletta;inoltre chi li installerà beneficerà dell’incentivo statale ventennale ‘Conto energia’”.

“Nel territorio del Parco -si legge nella brochure informativa distribuita alle famiglie – un impianto di 2 kw di potenza può produrre fino a 2.600 kwh/anno che equivalgono a un incentivo che può variare tra i 1.000 e i 1.250 euro all’anno, oltre al risparmio sulla bolletta”.

In quanto tempo si ammortizza l’investimento?

“In circa 10 anni – continua Bini – ovvero lo stesso periodo per cui l’impianto viene garantito in tute le sue componenti” . Il prezzo definitivo dell’installazione sarà definito in baso alle adesioni entro il 19 giugno, data alla quale si dovrà dare l’adesione definitiva. In altre parole sino ad allora si potrà recedere. Per chi lo desiderasse, la partecipazione al gruppo di acquisto può essere facilitata da specifici finanziamenti frutto di convenzioni stipulate tra Cna e istituti bancari locali.

“Per il Parco – riprende Fausto Giovanelli – questo progetto ha anche la funzione di unire i territori, di aggregare i residenti su entrambi i versanti dell’Appennino nell’obiettivo comune di godere dei benefici offerti loro dal Parco.

Per aderire e saperne di più è attivo il numero 0522 811 050, consultare il sito http://www.parcoappennino.it/it/soleeparco.php

1 16 17 18 19