LA 5 MULINI Marcia podistica non competitiva attraverso Mulini e Borghi del Comune di San Romano Garfagnana

san romano_1.jpg san romano_1.jpg

Dopo il la buonissima riuscita della prima edizione, Domenica 16 Dicembre 2007 L’A.S Sillicagnana
Con il patrocinio del
Comune di San Romano
in Garfagnana
organizza la seconda edizione de “La 5 Mulini” Marcia podistica non competitiva attraverso Mulini e Borghi del Comune di San Romano Garfagnana di Km 2-6-9-18
Valida per
Trofeo Podistico Lucchese – Trofeo Tre Provincie
Partenza libera ore 8,00 / 8,30 – chiusura manifestazione ore 12,30
Ritrovo ore 7,15 presso campo sportivo di Sillicagnana( Comune di San Romano in Garfagnana – 9 Km da Castelnuovo Garfagnana )

Previsto servizio navetta (gratuito) dalla
Stazione Ferroviaria di Villetta S. Romano

Treno da Lucca partenza ore 6,12 arrivo Villetta S.R. ore 7,13
Partenza Villetta per Lucca ore 11,43 arrivo Lucca ore 12,50
(Per una migliore funzionalità del servizio si prega di comunicarci
Telefonicamente al 339.4732024 o al 335.7672777 il nr. degli interessati)

Premio a tutti i concorrenti e ai gruppi più numerosi
Si garantisce servizio scopa, assistenza Sanitaria, docce
Punti di ristoro sul percorso, organizzati negli agriturismi che la corsa attraversa e all’arrivo torte e panini di ogni genere.
La manifestazione, aperta a tutti, rientra come “ATTIVITA’ MOTORIA E RICREATIVA di cui all’art. 1 comma 4 della Legge Regionale Toscana n°35 del 09/07/2003” , per lo svolgimento di tale attività non è richiesta
certificazione medica di alcun tipo.
Per informazioni tel.
339.4732024 – 335.7672777

Terza giornata di "San Romano Energia"

logo_san_romano_energia.jpg logo_san_romano_energia.jpgLa terza giornata di “San Romano Energia” è stata dedicata alle scuole. I relatori della giornata hanno infatti parlato ad una platea composta dagli studenti delle classi di Geometri e del Tecnico Industriale del “Campedelli” di Castelnuovo Garfagnana.
Ha iniziato il Prof. Ing. Alessandro Peruginelli, docente di idraulica alla facoltà di ingegneria di Pisa che ha parlato degli impianti idroelettrici, con articolare riguardo a quelli installati alcuni anni fa dal Comune di San Romano, esemplificando le problematiche del progetto, le soluzioni costruttive e le potenzialità degli impianti.
l’Ing. Giuseppe Tognini che ha parlato poi in maniera davvero esauriente degli impianti fotovoltaici, partendo dalla teoria del loro funzionamento, alla pratica della realizzazione dei materiali e dell’installazione dei pannelli, fino a portare esempi pratici di alcune istallazioni in zona, non tralasciando anche gli aspetti economici che la scelta fotovoltaica comporta.
Ha concluso poi la parte espositiva della giornata, l’ing. Paolo Vangi che si è occupato degli impianti di teleriscaldamento ed in particolare di quello, alimentato da una caldaia a cippato di legno i fase di avanzata progettazione qui a San Romano e che riscalderà le scuole, il palazzetto dello sport, l’albergo ristorante “Ai Canapai” e diverse abitazioni private del capoluogo.
La mattinata si è infine conclusa con la visita ad alcuni impianti: una centralina idroelettrica del Comune di San Romano in loc. Madonna del Bosco, e un impianto fotovoltaico installato dalla ditta Tognini presso un privato nei dintorni di Pieve Fosciana. Impiant che hanno destato il vivo interesse degli studenti e dei loro insegnanti.

terza-giornata-1_1.jpgterza_giornata_5.jpgterza_giornata_7.jpg

Seconda giornata di "San Romano Energia" Festa del Marrone

seconda_giornata_5.jpgLa seconda giornata di “San Romano Energia” si presentava come una festa e festa è stata. La giornata era tiepida a tratti assolata e nella “Selva del Buffardello” il parco avventura che sorge a due passi del paese di San Romano si è svolta una vera e propria “kermesse” alimentare con prodotti derivati dalla castagna e diversamente interpretati nei due versanti dell’appennino, quello garfagnino e quello emiliano. La Pro loco di Felina, in rappresentanza delle parte emiliana, ha presentato un stand zeppo di prodotti tipici tra i quali spiccava lo “gnocco” fritto o i “tortelli” ripieni di castagna, nonché si è premurata di “arrostire” i marroni su di uno spettacolare braciere da un “ballino” di castagne alla volta; L’US Villetta, per questo lato della montagna, ha presentato la “polenta di neccio con gli ossi” antico piatto povero oggi diventato vero piatto da intenditori per il gusto moderno e raffinato di accostare il dolce della polenta di castagne (di neccio) al salato del maiale marinato e lessato. Il piatto ha riscosso il successo che si meritava, buonissimo e preparato alla perfezione, un grande piacere gustarlo poi all’aperto, sotto i castagni. L’US Sillicagnana, per rimanere nel Comune di San Romano, assieme al locale circolo parrocchiale ha pensato invece alla preparazione di necci, cioè frittelle di farina di castagne preparati su testi, da gustare con ricotta, poi castagnaccio, bombonecci (speciali!) e quant’altro in tema con le castagne. Il tutto poi annaffiato con vini locali e vin brulè come piovesse. Una giornata, grazie alla collaborazione di molti, ben riuscita e sicuramente da ripetere.

seconda-giornata-9_1.jpgseconda_giornata_10.jpgseconda_giornata_11.jpgseconda_giornata_12.jpgseconda_giornata_1b.jpgseconda_giornata_2.jpgseconda_giornata_3.jpg

1 137 138 139 140 141