L’uomo e le piante nella preistoria

poster_preistoria_copia.jpgposter_preistoria_copia.jpgSi inaugura in questo mese di Maggio presso e Mulini di Verrucole la mostra “L’uomo e le piante nella preistoria”.

La mostra, con l’aggiunta di nuovi pannelli alla storia della vegetazione nella Valle del Serchio, rappresenta la riedizione di quella esposta presso il Museo di Storia Naturale e del Territorio di Calci nel 2004.

Questa nuova iniziativa è nata dalla collaborazione tra l’Università di Pisa, il Laboratorio di Archeologia di Como, il Corpo Forestale dello Stato e l’Ente Parco Nazionale dell’Appennino Tosco Emiliano ed illustra, tramite una serie di Pannelli e reperti archeologici, il rapporto tra il mondo vegetale e l’uomo durante la Preistoria.

I nostri più antichi progenitori utilizzavano il legno per la costruzione di abitazioni e la fabbricazione di strumenti di vario genere mentre le fibre vegetali erano usate per confezionare corde, vestiti ed altri vari oggetti di uso comune.

Una parte importante dell’alimentazione era ricavata dalle piante, con la raccolta di specie selvatiche durante il Paleolitico e nel Mesolitico ed in seguito a partire dal Neolitico con le specie coltivate.

L’obiettivo della mostra è ripercorrere lo sviluppo culturale e tecnologico dell’uomo esaminando il paesaggio e le risorse offerte dall’ambiente.

La mostra è visitabile su prenotazione ma Maggio a Novembre; per informazioni e prenotazioni si può telefonare all’Uff. Segreteria del Comune di San Romano in Garfagnana, Stefania Crudeli 0583 613181, o ad una delle responsabili dell’allestimento Martina Moriconi 347/3679079.

Manifesto Mostra formato PDF

Notti in Fortezza – Francesino d'Oro

bottiglia_di_vino.jpg bottiglia_di_vino.jpgAll’interno della manifestazione “Notti in Fortezza” si è svolta la prima edizione del “Francesino D’Oro” concorso fra i produttori vinicoli del Comune di San Romano in Garfagnana. Sono stati 11 i viticoltori, tutti naturalmente non professionisti, con vino prodotto per il proprio piacere e consumo, che hanno partecipato alla gara.
• Giordano Biagioni di San Romano
• Giovanni Bresciani di Naggio
• Giacomo Cecchini di San Romano
• Vincenzo Peretti di San Romano
• Giovanni Pieroni di San Romano
• Walter Pucci di Villetta
• Sauro Puppa di San Romano
• Carlo Biagioni di Sillicagnana
• Paolo Terni di San Romano
• Giuliano Turri di Villetta
• Tino Biagioni di SillicagnanaLa gara si è svolta, secondo il regolamento, i due distinte sedi. Nella prima le bottiglie, tutte rese anonime e numerate erano assaggiate da una “giuria popolare” composta dai partecipanti alla festa che esprimevano un voto da uno a dieci su un’apposita cartella. Contemporaneamente una giuria composta da esperti faceva gli stessi assaggi. A questa giuria era assegnato un peso del 60% sul totale, mentre a quella popolare il 40%. Al termine della votazioni il risultato è stato:

1° Classificato: Giuliano Turri
2° Classificato: Vincenzo Peretti
3° Classificato: Carlo Biagioni

La prima edizione del “Francesino d’Oro” si è quindi conclusa fra brindisi e assaggi, propositi di rivincita e giudizi “naturalmente” discordanti sulla qualità dei vini e sulla classifica. L’appuntamento è per tutti al prossimo anno e alla seconda edizione.

Notti in Fortezza – Serata band Locali

titolorock.jpgtitolorock.jpgLa prima serata dell’edizione 2007 delle “Notti in Fortezza” si è aperta con la prima edizione della rassegna delle band locali “Note in Fortezza”. Il Rock è stato la matrice delle band partecipanti. Purtroppo una coincidenza di date e un’epidemia influenzale che ha colpito alcuni musicisti ha ridotto la partecipazione quantitativa delle band ma quelle presenti hanno ampiamente riempito la serata di musica ad alto contenuto energetico.
E’ toccato ai “Life Left Behind” aprire la serata, seguiti dai “Quiet Storm” e dai “White Dust”.
Alla fine della serata, in una notte che si era fatta finalmente calma e tiepida non è rimasto che darsi appuntamento per l’anno prossimo

CONCLUSI I CAMPIONATI ITALIANI DI TIRO DEL FORMAGIO – ANCHE UN GARFAGNINO TRA I VINCITORI

campionato_formaggio_prima.jpgDue splendide giornate di sole hanno accolto i partecipanti ai campionati italiani UISP di lancio del formaggio che si sono svolti il 14 e 15 Aprile a Orzaglia nel Comune di San Romano in Garfagnana. Le forme di formaggio sono state lanciate con forza e perizia lungo le strade del piccolo altopiano ai confini del Parco dell’Orecchiella e dell’Appennino Tosco Emiliano incorniciate dalle Alpi Apuane ancora un po’ innevate e dal profilo unico della Fortezza delle Verrucole.campionato_formaggio_1.jpg
Un centinaio di tiratori provenienti da svariate regioni italiane si sono contesi il titolo nelle tre categorie previste secondo il peso della forma da 1 a 6 kg.
Polemiche e diverbi non sono certo mancati com’è del resto tradizione di questa particolare disciplina che è sì sport ma anche tradizione popolare di antichissima memoria dove il litigio e la polemica sono elementi essi stessi del gioco, del resto il tiro su strada restituisce maggiormente quelli che sono gli antichi fondamenti della tradizione, dove conta sia forza della “sfunata” sia l’abilità con cui essa viene vibrata per far compiere alla forma il percorso desiderato, ma comporta maggiori incertezze nella misurazione del tiro alimentando così tutto il contesto “spettacolare” in cui si svolgono le gare.campionato_tiro_formaggio_8.jpg
Particolarmente apprezzata è stata poi l’ospitalità offerta dal nostro comune, con i soggiorni soprattutto nei vari agriturismi tutti di grande qualità paesaggistica e strutturale e il pranzo conviviale presso l’ostello “AI Canapai”.
Presenti alle giornate di gare e poi alle premiazioni oltre al Presidente UISP, Lega Sport e Giochi Tradizionali Erasmo Lucignoli, il Vice Presidente Claudio Bucciarelli e il Responsabile per Lucca e la Garfagnana Roberto Lazzurri e Chiara Stinghi i Rappresentanza della UISP Toscana.campionato_formagg_premia2.jpg
Sono poi intervenuti personalità locali in rappresentanza degli enti organizzatori; per il Comune di San Romano oltre naturalmente al Sindaco Pier Romano Mariani, L’Assessore Lara Crudeli vera anima di tutta l’organizzazione; L’On. Raffaella Mariani che non poteva certo mancare essendo proprio di San Romano; il Presidente del Centro Trazioni Popolari della Provincia di Lucca Manrico Testi; L’Assessore della Comunità Montana della Garfagnana Luca Pedreschi, I Consiglieri Provinciali Eugenio Tersiti e Battista Poletti.campionato_tiro_formaggio_5.jpg
Ma ecco dunque le classifiche a Cominciare da Luigi Pennacchi Campione Italiana Cat. 6 Kg che ha tenuto alta la tradizione garfagnana del “Tiro della Forma” come si chiama da queste parti.
Cat. 6 kh.
1) Pierluigi Pennacchi (Lucca)
2) Danilo Moreschini (Ascoli)
3) Giovanni Vallesi (Ascoli)

Cat. 3 Kg
1) Giorgio Aglini (Perugia)
2) Federico Medori (Ascoli)
3) Silvano Bartolini (Perugia)

Cat. 1 Kg
1) Bruno Ferroni (Siena)
2) Doriano Propersi (Ascoli)
3) Maurizio Allacciati (Siena)

1 15 16 17 18